NEWSLETTER su notizie, progetti, trend su energia, eco sostenibilità e futuro del pianeta.

the-be-one-journal-news-energia-gas

News , progetti, trend su energia, eco sostenibilità e futuro del pianeta.

Gas, col ritorno dell’Iva al 22%, rialzo bolletta fino a 13%
rincaro-iva-gas

Immagini e testo da: www.ansa.it – Economia

l ritorno all’aliquota al 22% sul gas nel 2024 comporta un incremento della spesa del 13% per la famiglia tipo, che consuma annualmente 1.400 metri cubi.

Per una famiglia con consumi ridotti (400 metri cubi annui) l’impatto è minore, pari a un +8%.

____________

Lo scrive in un comunicato il sito Segugio.it.
Chi ha attivato una tariffa variabile, indicizzata alla quotazione sul mercato italiano del gas Psv, può sfruttare nel primo mese dell’anno nuovo un prezzo più basso del metano, con l’indice del mercato all’ingrosso passato da circa 45 centesimi a 38 centesimi per metro cubo (-15%). In generale, il prezzo del gas per il 2024 è previsto attualmente a ridosso dei 40 centesimi per metro cubo, valore simile a luglio 2021, prima della crisi energetica.

Combinando l’effetto dell’Iva e il calo dei prezzi all’ingrosso, risulta che una famiglia tipo con un contratto a prezzo variabile registrerà un rincaro della spesa del 6% (a parità di consumo) tra dicembre 2023 e gennaio 2024.

Il ripristino dell’Iva ordinaria è arrivato a gennaio di quest’anno dopo oltre due anni di misure di sostegno. Nel corso del quarto trimestre del 2021, con i primi segnali di una crisi che sarebbe peggiorata in modo significativo nel 2022, il decreto Taglia Bollette applicò una riduzione al 5% dell’Iva per il gas, indipendentemente dallo scaglione di consumo. L’Iva agevolata ha sostituito l’Iva ordinaria (del 10% fino a 480 metri cubi di consumo e del 22% oltre i 480 metri cubi oltre che sulle quote fisse) fino alla fine del mese di dicembre 2023.

Bollette gas, aumenti di 177 euro per chi non ha scelto nuovi operatori e ora è senza tutela

di Alessia Conzonato

Immagini e testo da: www.corriere.it – Economia

____________

Mercato tutelato: rincari sulla bolletta

Con il 2024 si avvicina anche la fine del mercato tutelato per la fornitura di luce e gas. In particolare per quest’ultimo è ufficiale da giovedì 11 gennaio. I clienti domestici non vulnerabili che non sono passati al mercato libero dovranno scegliere una tariffa decidendo se restare con lo stesso venditore (ma con offerta diversa e libera) o rivolgersi ad altri venditori. Ma, secondo un’elaborazione di Facile.it, è stata assegnata una nuova tariffa con possibili aggravi che arriverebbero fino a 177 euro l’anno rispetto alle tariffe in vigore nella tutela.
«Le condizioni economiche della nuova tariffa, denominata “offerta Placet in deroga”, vengono definite dall’Autorità — spiegano gli esperti —, ad eccezione della voce a copertura dei costi di commercializzazione, che invece viene stabilita liberamente da ciascun fornitore». L’importo sopracitato è fisso e indipendente dai consumi, che quindi potrebbe avere un impatto importante sulle bollette.

I consigli per scegliere la tariffa giusta

Non si tratterà dell’unico aumento sul fronte energetico nel corso del nuovo anno: anche l’Iva sulle bollette del gas, infatti, è tornata all’aliquota ordinaria, che sale dal 5% al 10% per consumi fino a 480 metri cubi e al 22% per consumi superiori. Anche gli oneri di sistema sono tornati a gravare integralmente sulla spesa finale. I rincari interesseranno tutti i clienti, indipendentemente dall’offerta sottoscritta. Perciò, Facile.it ha raccolto una serie di otto consigli per i consumatori che ancora non hanno effettuato il passaggio su come approcciarsi alla scelta di una nuova tariffa sul mercato tutelato, sia per il gas che per la fornitura elettrica, che finirà a luglio 2024.

 

Metti a confronto le offerte

Sul mercato libero operano centinaia di fornitori differenti e i prezzi offerti possono variare sensibilmente. Si ricorda che nel mercato libero le società hanno la possibilità di modificare solo la componente “spesa per la materia energia”, la quale diventafondamentale per mettere a confronto offerte diverse tra loro. Le altre voci, come oneri e imposte, sono invece stabilite dall’Autorità e sono uguali per tutti.
Utilizzare un comparatore o chiedere il supporto di un consulente esperto potrebbe essere utile per confrontare correttamente le offerte e scegliere consapevolmente la più adatta.

Prezzo fisso o indicizzato?

I tipi di meccanismo di determinazione del prezzo sono due: prezzo fisso o indicizzato. Nel primo caso, il costo della componente energia viene bloccato per un periodo di tempo, circa uno o due anni; nel secondo caso, invece, il valore varia mensilmente sulla base di un indice di riferimento, legato solitamente all’andamento del costo della materia prima.
Non esiste un’opzione giusta o sbagliata, la scelta dipende dalle tariffe e della propensione al rischio: se si opta per la tariffa a prezzo fisso, è importante tenere sotto controllo la durata dell’offerta in quanto, al termine del periodo di vincolo, il fornitore proporrà una nuova tariffa e non è detto che sia conveniente. Prima di accettarla, quindi, sarebbe bene confrontare la proposta con le altre presenti sul mercato così da prendere la decisione più giusta.

 

Per ogni stile di vita, c’è una tariffa adatta

Può fare la differenza anche tenere in considerazione il proprio stile di vita e gli orari in cui si consuma maggiormente l’energia, dal momento che sul mercato esistono tariffe biorarie, che offrono un prezzo scontato dell’energia in alcune fasce della giornata, e tariffe monorarie, che invece hanno un prezzo unico indipendente dall’orario di consumo. Come per il prezzo fisso o indicizzato, anche in questo caso non c’è una soluzione migliore in assoluto rispetto ad un’altra: la tariffa va scelta in funzione delle proprie abitudini e della propria quotidianità. Se hai dubbi, consulta la tua bolletta per vedere in quali ore della giornata consumi più energia.

 

Tenere d’occhio i tuoi consumi

Per trovare la tariffa più adatta alle proprie esigenze è importante capire quanta energia si consuma in casa; questo lo si può capire recuperando dalle vecchie bollette i consumi annuali, espressi in kilowattora per l’elettricità e in smc per il gas. Grazie a questi dati, sarà più semplice stimare il risparmio cambiando fornitore.

L’affidabilità del fornitore

Nello scegliere il nuovo fornitore è importante affidarsi solo ed esclusivamente ad operatori seri e affidabili perché la truffa può essere dietro l’angolo; in un periodo delicato come quello attuale non è un caso che i tentativi di frode si siano moltiplicati. La buona notizia è che difendersi dai truffatori è spesso semplice: il primo consiglio, nonché il più importante, è quello di non farsi mai prendere dalla fretta e di non accettare proposte prima di averne verificato l’autenticità.

Fornitore unico per luce e gas

Alcuni operatori offrono tariffe ancora più convenienti se si sceglie di siglare con loro sia il contratto per la fornitura di elettricità, sia quello per il gas e questa potrebbe essere una valida strategia per risparmiare. Valutiamo con attenzione questa opzione, ma soprattutto verifichiamo se può essere adatta alle esigenze della nostra famiglia; potremmo beneficiare non solo di un vantaggio economico, ma anche di una maggior semplicità nella gestione delle bollette.

 

Non abbiate paura a cambiare

Una volta identificata l’offerta più adatta, si può procedere con il passaggio; arrivati a questo punto è importante sapere che l’attivazione di una nuova fornitura è gratuita, è semplice e non si corre mai il rischio di rimanere senza luce o gas.

 

Cosa fare in caso di truffa

In caso di truffa, è necessario contattare chi ti ha fatto sottoscrivere il contratto; se si tratta di una semplice incomprensione e non di un tentativo di truffa, la situazione si risolverà in pochi semplici passi. Se, invece, si può dimostrare che la firma sul contratto è stata estorta con l’inganno o che non appartiene effettivamente all’utente, si può inviare un reclamo formale disconoscendo il contratto e segnalando l’accaduto alle forze dell’ordine e le autorità competenti (Polizia, Polizia postale, Agcm e Arera). Si può pretendere, inoltre, che il fornitore presso cui è stata effettuata la registrazione riporti immediatamente nelle fila del precedente.

 

lettera_journal_be-one-energia
Attenzione alle chiamate truffa!

Caro Cliente, 

abbiamo ricevuto segnalazioni da parte di clienti che hanno ricevuto chiamate “sospette” da parte di call center che proponevano un cambio di gestore con esposizione di dati sensibili degli stessi clienti.

Siamo a invitarti a prendere visione del video al presente link: LINK VIDEO

Vi invitiamo a diffidare di queste chiamate e vi facciamo presente che ARERA (autorità di controllo) sta già occupandosi di monitorare questa attività fraudolenta.

Lo Staff di Be One Spa

fotovoltaico-foligno-be-one
E-distribuzione: triplicati gli allacci di impianti rinnovabili alla rete nazionale
be-one-energia-gas

immagini e testo da: www.larepubblica.it – I Focus di Affari e Finanza

Nei primi sette mesi del 2023, le attivazioni sono state oltre 220mila, per un totale di 2,6 GW di potenza installata. Sempre più famiglie e imprese scelgono di dotare case e fabbricati di pannelli solari e altre tecnologie rinnovabili

____________

In Italia cresce sensibilmente il numero di impianti rinnovabili connessi alla rete di distribuzione nazionale: da gennaio a luglio 2023 E-Distribuzione ha più che triplicato gli allacci rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, superando addirittura la quota complessiva di connessioni abilitate nel 2022 e accelerando così il percorso verso l’indipendenza energetica e la sostenibilità ambientale del Paese. In 7 mesi le attivazioni di impianti sono state infatti oltre 220mila, per un totale di 2,6 GW di potenza installata. Un trend che si conferma in forte crescita, come registrato già lo scorso anno quando E-Distribuzione aveva superato i 203mila allacci di impianti rinnovabili, a loro volta triplicati rispetto al 2021.

A confronto dello stesso periodo del 2022 sono anche aumentate del 150% le richieste di allaccio alla rete da parte dei titolari di impianti di piccola taglia: un dato che evidenzia come sempre più famiglie e imprese scelgano di dotare le proprie case e i propri fabbricati di pannelli solari e altre tecnologie rinnovabili che permettono di conseguire importanti benefici economici e ambientali. E-Distribuzione è al centro di questa transizione, grazie al suo costante lavoro finalizzato a collegare un numero sempre maggiore di impianti green alla rete elettrica nazionale. La società aiuta i cittadini a giocare un ruolo attivo per abbracciare un modello di approvvigionamento energetico più sostenibile, dando loro la possibilità di consumare o immettere in rete l’energia autoprodotta e di ottenere, in questo modo, risparmi in bolletta e sensibili riduzioni delle emissioni di CO2.

Con l’aumento esponenziale delle domande di allaccio è cresciuto anche l’impegno della società a migliorare l’efficienza dei propri servizi in linea con le esigenze della clientela: in soli sette mesi sono state, infatti, gestite oltre 1,5 milioni di pratiche, nonché digitalizzate e semplificate le procedure di attivazione degli impianti allo scopo di soddisfare le richieste degli utenti e anticipare in molti casi i tempi di allaccio previsti dalla normativa vigente.

Il lavoro di E-Distribuzione rientra nel più ampio percorso avviato dall’azienda volto a favorire il raggiungimento dei target nazionali ed europei di diversificazione delle fonti energetiche.

Approvato decreto contro caro bollette.
Misure per famiglie e imprese. Stanziate risorse per la sanità
be-one-energia-gas

immagini e testo da: www.mef.gov.it

Roma, 28 marzo 2023 – Nella riunione del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti, è stato approvato il decreto con misure a sostegno di famiglie e imprese contro il caro bollette e interventi in favore del settore sanitario per un ammontare complessivo di risorse stanziate nel provvedimento pari a 4,9 miliardi di euro.

 Le misure a sostegno di famiglie e imprese contro caro energia sono state ridisegnate su base trimestrale tenendo conto sia dell’andamento dei prezzi dell’energia, sia dell’obiettivo di favorire il risparmio energetico.

Iva al 5% per il gas
Per il gas è confermata nel prossimo trimestre (1 aprile – 30 giugno 2023) la riduzione dell’Iva al 5% e l’azzeramento degli oneri di sistema. Prorogata anche l’aliquota Iva ridotta al 5% per il teleriscaldamento e per l’energia prodotta con il gas metano. In considerazione della riduzione dei prezzi del gas naturale all’ingrosso il contributo introdotto a favore dei consumatori fino a 5.000 metri cubi è confermato solo per il mese di aprile e sarà in misura ridotta (pari al 35% del valore applicato nel trimestre precedente).

Bonus sociale
A sostegno delle famiglie è stato prorogato fino al 30 giugno il bonus sociale, lo sconto sulle bollette di luce e gas per le famiglie con Isee fino a 15mila euro.
Dal 1 aprile e fino al 31 dicembre 2023 la soglia Isee per l’accesso al bonus sociale da parte delle famiglie numerose (con almeno 4 figli) passa da 20 a 30 mila euro.

Contributo per spese riscaldamento
La novità introdotta con il decreto riguarda il nuovo incentivo al risparmio energetico per tutti i cittadini, senza limiti di reddito, che a partire dal prossimo 1 ottobre al 31 dicembre 2023 avranno un contributo a compensazione delle spese di riscaldamento, i cui criteri per l’assegnazione verranno definiti con decreto del Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. Inoltre, l’Arera determinerà le modalità applicative e la misura del contributo che verrà erogato, in quota fissa e differenziato in base alle zone climatiche.

Credito d’imposta per le imprese
Contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale, per il II trimestre 2023.
Le imprese potranno invece continuare a beneficiare fino al 30 giugno dei crediti d’imposta al 20% e al 10% se nel primo trimestre del 2023 hanno registrato un incremento del prezzo delle bollette di luce e gas superiore al 30% rispetto al primo trimestre del 2019.

Agevolazione per imprese agricole
Per l’anno di imposta 2022 agli imprenditori agricoli che producono e cedono energia fotovoltaica è garantita, per la componente riconducibile all’energia ceduta, un regime di tassazione più favorevole basato sul minor valore tra il prezzo medio di cessione dell’energia elettrica, determinato dall’ARERA e il valore di 120 euro/MWh.

Salute
Nel decreto il governo è inoltre intervenuto in materia di salute, stanziando circa 1 miliardo di euro in favore di Regioni e Province autonome per limitare l’impatto del payback dei dispositivi medici sulle aziende del settore.

Fisco
In materia fiscale, riguardo alle scadenze introdotte con la legge di bilancio sono stati ricalendarizzati dal 31 marzo al 31 ottobre 2023 i termini di pagamento della prima rata per regolarizzare le violazioni di natura formale commesse fino al 31 ottobre 2022. Prorogati rispettivamente al 30 settembre 2023, al 31 ottobre 2023 e al 30 novembre 2023 i termini per il pagamento della prima, della seconda e della terza rata per il ravvedimento speciale sulle dichiarazioni validamente presentate per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021 e precedenti.
Previste cause speciali di non punibilità di alcuni reati tributari (omesso versamento di ritenute dovute o certificate per importo superiore a 150.000 euro per annualità, omesso versamento di IVA di importo superiore a 250.000 euro per annualità, indebita compensazione di crediti non spettanti superiore a 50.000 euro), in particolare quando le relative violazioni sono correttamente definite e le somme dovute sono versate integralmente dal contribuente secondo le modalità previste.

Bolletta, dal frigo al forno fino alla lavastoviglie: cosa consuma di più? Ecco la classifica
Il frigo ad esempio ci costa 1 euro e 20 centesimi al giorno, ma non è l’elettrodomestico che consuma di più. Ecco la classifica dei più cari

Quanto spendiamo ogni volta che accendiamo il phon o la lavatrice? È una domanda sempre più comune tra gli italiani alle prese con il caro-energia che preannuncia conti salati. Arera (l’autorità per l’energia) ha già annunciato rincari del 59% sulle bollette, dopo che il terzo trimestre 2022 il prezzo unico nazionale dell’elettricità (Pun) è raddoppiato rispetto al secondo trimestre.

Altroconsumo, tenendo conto del costo dell’elettricità a 0,66 centesimi a kWh ha calcolato che per accendere gli elettrodomestici di uso comune una famiglia in media spende tra i 7 e gli 8 euro al giorno.

Inoltre, un utilizzo scorretto di tutti gli elettrodomestici può portare a una spesa che arriva a 230 euro. Ecco la lista completa del consumo per ogni singolo elettrodomestico.

Quanto costa il frigo e il router wi-fi?

Frigo: 1,20 euro al giorno
Router Wi Fi: 39 centesimi al giorno
Tv, decoder e smart speaker: 66 centesimi al giorno

Elettrodomestici, la classifica dei consumi  

Lavasciuga con programma asciugatura: 3,37 euro
Condizionatore per 4 ore: 1,98 euro
Forno (un’ora a 180 gradi): 1,44 euro
Boiler elettrico (10 minuti di doccia): 1,32 euro
Stufetta per il bagno: 66 centesimi
Lavastoviglie: 66 centesimi
Piano a induzione (un’ora): 50 centesimi.
Ferro da stiro da 2000 Watt: 50 centesimi l’ora
Ferro da stiro da 2400-2600 Watt: 0,65 centesimi l’ora.
Asciugacapelli (15 minuti): 24 centesimi

 

Fonte: Il Messaggero.it > LINK ARTICOLO 

Be One: l’energia oltre l’energia

Be One offre ai propri clienti anche la possibilità di installare utilities come colonnine per la ricarica elettrica: soluzioni chiavi in ​​mano per chi sceglie la mobilità elettrica nel lavoro o nella vita di tutti i giorni.

Be One ha soluzioni sia per le aziende, sia per i privati, sia per i condomini o le Pubbliche Amministrazioni.

colonnine-elettriche-beone

Colonnina ricarica elettrica Be One S.p.A.

COMPILA I CAMPI PER CHIEDERE INFORMAZIONI SU PREZZI E MODALITÀ DI PAGAMENTO, ANCHE A RATE

VADEMECUM

DEL RISPARMIO ENERGETICO

Bollette luce e gas,
ecco il vademecum dell’Enea per risparmiare
L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie,
l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea)
ha stilato un vademecum per risparmiare
sulle bollette luce e gas.

SCOPRI DI PIÙ >>

 

Consumi, oltre 1.850 euro all’anno per energia, gas e carburanti

TGcom 24

Un’indagine di Confcommercio rivela che il caro-energia e l’inflazione rischia di penalizzare pesantemente le spese libere, deteriorando il clima di fiducia delle famiglie. Arrancano abbigliamento e automotive.

Su un totale consumi all’anno di oltre 19mila euro pro capite, per le spese obbligate se ne vanno 8.154 euro (+152 euro rispetto al 2021).
La quota principale è rappresentata dalla voce abitazione (4.713 euro)
ma il contributo maggiore all’incremento viene da energia, gas e carburanti (il settore complessivamente raggiunge quota 1.854 euro) che, nella media del 2022, incide sul totale consumi per il 9,7%, valore mai registrato prima. Lo rende noto l’Ufficio Studi di Confcommercio.

Energia più cara, meno spese “libere” – Questi forti rincari sul fronte energia avranno l’effetto di comprimere la spesa su molte aree “voluttuarie”, con il rischio di deteriorare il clima di fiducia attuale e in prospettiva.

Arrancano automotive e abbigliamento – Il desiderio di tornare alla normalità, spiegano a Confcommercio, sta sostenendo, in questa prima parte dell’anno, i consumi delle famiglie con alcuni comparti in forte recupero, come il turismo e l’area della convivialità e del tempo libero, ma ci sono settori che ancora stentano, come l’automotive e l’abbigliamento.

Inflazione e caro-energia incidono sui consumi –  Un quadro che rischia un forte rallentamento, soprattutto dopo l’estate, a causa dell’impatto sul potere di acquisto delle famiglie dell’inflazione (stimata intorno al 7% nel 2022), degli aumenti dell’energia e delle spese obbligate. Queste ultime infatti raggiungono nel 2022 la quota record del 42,9% sul totale dei consumi, il valore più alto di sempre, con un incremento dell’incidenza di 6,3 punti dal 1995 a oggi.

L’aggiornamento al 2022 della scomposizione dei consumi delle famiglie tra spese obbligate e spese commercializzabili, pur continuando a essere influenzato da quanto accaduto dalla primavera del 2020, risente in misura significativa della ripresa dell’inflazione che colpisce in modo profondamente eterogeneo le varie categorie di spesa.

Spese obbligate al 43% del totale – Le spese obbligate ovviamente, attraverso la dimensione dei prezzi dell’energia, sono le più colpite. Raggiungono quasi il 43% sul totale dei consumi, affitti inclusi. Rispetto a una quota strutturale del 39-40%, lo scarto attualmente registrato è abnorme. Questa differenza può essere attribuita per la metà, circa 1,5 punti percentuali, a elettricità, luce e gas la cui incidenza è salita al 9,7%.

Link Articolo TGcom 24

Be One e Treedom: parliamo di ambiente

Be One aderisce al progetto Treedom piantando alberi in diverse aree del mondo. L’intento di Be One è quello di bilanciare i propri consumi e quelli dei suoi clienti piantando alberi riuscendo a ridurre l’impatto del CO2 nel nostro mondo.

>> CLICCA PER LA FORESTA BE ONE

treedom e be oneTreedom è il primo sito che permette di piantare alberi a distanza e seguire online la storia del progetto che contribuiranno a realizzare.

Dalla sua fondazione, avvenuta nel 2010 a Firenze, sono stati piantati più di 1.000.000 di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Tutti gli alberi vengono piantati direttamente da contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici. Grazie a tale business model, Treedom fa parte dal 2014 delle Certified B Corporations, il network di imprese che si contraddistinguono per elevate performance ambientali e sociali.

 

Be One main sponsor Bizzarri Golf Cup 2022

Ogni grande risultato nasce dalla giusta energia.
Le sfide ti aiutano a capire chi sei. Ore, giorni, mesi di allenamento per prepararsi alla sfida.
Take up the challenge ? Be One Main Sponsor Bizzarri Golf Cup 10/11/12 Giugno 2022

 

be-one-main-sponsor-bizzarri-golf-cup-2022

 

Be One e il progetto Magic Mountains

logo-magic-mountains

La Community di Be One ha partecipato al progetto Magic Mountains, un progetto no-profit per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale dei Monti Sibillini.

Be One è sponsor del progetto perché pensiamo che stimolare il contatto con la natura sia il primo passo importante per azioni significative di salvaguardia del Pianeta.

Crediamo che favorire esperienze di valorizzazione del patrimonio naturale sia un canale privilegiato per sensibilizzare i nostri clienti all’uso di energia sostenibile, l’unica strada per pensare al futuro del nostro Pianeta da protagonisti.

Gas, col ritorno dell’Iva al 22%, rialzo bolletta fino a 13%
rincaro-iva-gas

Immagini e testo da: www.ansa.it – Economia

l ritorno all’aliquota al 22% sul gas nel 2024 comporta un incremento della spesa del 13% per la famiglia tipo, che consuma annualmente 1.400 metri cubi.

Per una famiglia con consumi ridotti (400 metri cubi annui) l’impatto è minore, pari a un +8%.

____________

Lo scrive in un comunicato il sito Segugio.it.
Chi ha attivato una tariffa variabile, indicizzata alla quotazione sul mercato italiano del gas Psv, può sfruttare nel primo mese dell’anno nuovo un prezzo più basso del metano, con l’indice del mercato all’ingrosso passato da circa 45 centesimi a 38 centesimi per metro cubo (-15%). In generale, il prezzo del gas per il 2024 è previsto attualmente a ridosso dei 40 centesimi per metro cubo, valore simile a luglio 2021, prima della crisi energetica.

Combinando l’effetto dell’Iva e il calo dei prezzi all’ingrosso, risulta che una famiglia tipo con un contratto a prezzo variabile registrerà un rincaro della spesa del 6% (a parità di consumo) tra dicembre 2023 e gennaio 2024.

Il ripristino dell’Iva ordinaria è arrivato a gennaio di quest’anno dopo oltre due anni di misure di sostegno. Nel corso del quarto trimestre del 2021, con i primi segnali di una crisi che sarebbe peggiorata in modo significativo nel 2022, il decreto Taglia Bollette applicò una riduzione al 5% dell’Iva per il gas, indipendentemente dallo scaglione di consumo. L’Iva agevolata ha sostituito l’Iva ordinaria (del 10% fino a 480 metri cubi di consumo e del 22% oltre i 480 metri cubi oltre che sulle quote fisse) fino alla fine del mese di dicembre 2023.

Bollette gas, aumenti di 177 euro per chi non ha scelto nuovi operatori e ora è senza tutela

di Alessia Conzonato

Immagini e testo da: www.corriere.it – Economia

____________

Mercato tutelato: rincari sulla bolletta

Con il 2024 si avvicina anche la fine del mercato tutelato per la fornitura di luce e gas. In particolare per quest’ultimo è ufficiale da giovedì 11 gennaio. I clienti domestici non vulnerabili che non sono passati al mercato libero dovranno scegliere una tariffa decidendo se restare con lo stesso venditore (ma con offerta diversa e libera) o rivolgersi ad altri venditori. Ma, secondo un’elaborazione di Facile.it, è stata assegnata una nuova tariffa con possibili aggravi che arriverebbero fino a 177 euro l’anno rispetto alle tariffe in vigore nella tutela.
«Le condizioni economiche della nuova tariffa, denominata “offerta Placet in deroga”, vengono definite dall’Autorità — spiegano gli esperti —, ad eccezione della voce a copertura dei costi di commercializzazione, che invece viene stabilita liberamente da ciascun fornitore». L’importo sopracitato è fisso e indipendente dai consumi, che quindi potrebbe avere un impatto importante sulle bollette.

I consigli per scegliere la tariffa giusta

Non si tratterà dell’unico aumento sul fronte energetico nel corso del nuovo anno: anche l’Iva sulle bollette del gas, infatti, è tornata all’aliquota ordinaria, che sale dal 5% al 10% per consumi fino a 480 metri cubi e al 22% per consumi superiori. Anche gli oneri di sistema sono tornati a gravare integralmente sulla spesa finale. I rincari interesseranno tutti i clienti, indipendentemente dall’offerta sottoscritta. Perciò, Facile.it ha raccolto una serie di otto consigli per i consumatori che ancora non hanno effettuato il passaggio su come approcciarsi alla scelta di una nuova tariffa sul mercato tutelato, sia per il gas che per la fornitura elettrica, che finirà a luglio 2024.

 

Metti a confronto le offerte

Sul mercato libero operano centinaia di fornitori differenti e i prezzi offerti possono variare sensibilmente. Si ricorda che nel mercato libero le società hanno la possibilità di modificare solo la componente “spesa per la materia energia”, la quale diventafondamentale per mettere a confronto offerte diverse tra loro. Le altre voci, come oneri e imposte, sono invece stabilite dall’Autorità e sono uguali per tutti.
Utilizzare un comparatore o chiedere il supporto di un consulente esperto potrebbe essere utile per confrontare correttamente le offerte e scegliere consapevolmente la più adatta.

Prezzo fisso o indicizzato?

I tipi di meccanismo di determinazione del prezzo sono due: prezzo fisso o indicizzato. Nel primo caso, il costo della componente energia viene bloccato per un periodo di tempo, circa uno o due anni; nel secondo caso, invece, il valore varia mensilmente sulla base di un indice di riferimento, legato solitamente all’andamento del costo della materia prima.
Non esiste un’opzione giusta o sbagliata, la scelta dipende dalle tariffe e della propensione al rischio: se si opta per la tariffa a prezzo fisso, è importante tenere sotto controllo la durata dell’offerta in quanto, al termine del periodo di vincolo, il fornitore proporrà una nuova tariffa e non è detto che sia conveniente. Prima di accettarla, quindi, sarebbe bene confrontare la proposta con le altre presenti sul mercato così da prendere la decisione più giusta.

 

Per ogni stile di vita, c’è una tariffa adatta

Può fare la differenza anche tenere in considerazione il proprio stile di vita e gli orari in cui si consuma maggiormente l’energia, dal momento che sul mercato esistono tariffe biorarie, che offrono un prezzo scontato dell’energia in alcune fasce della giornata, e tariffe monorarie, che invece hanno un prezzo unico indipendente dall’orario di consumo. Come per il prezzo fisso o indicizzato, anche in questo caso non c’è una soluzione migliore in assoluto rispetto ad un’altra: la tariffa va scelta in funzione delle proprie abitudini e della propria quotidianità. Se hai dubbi, consulta la tua bolletta per vedere in quali ore della giornata consumi più energia.

 

Tenere d’occhio i tuoi consumi

Per trovare la tariffa più adatta alle proprie esigenze è importante capire quanta energia si consuma in casa; questo lo si può capire recuperando dalle vecchie bollette i consumi annuali, espressi in kilowattora per l’elettricità e in smc per il gas. Grazie a questi dati, sarà più semplice stimare il risparmio cambiando fornitore.

L’affidabilità del fornitore

Nello scegliere il nuovo fornitore è importante affidarsi solo ed esclusivamente ad operatori seri e affidabili perché la truffa può essere dietro l’angolo; in un periodo delicato come quello attuale non è un caso che i tentativi di frode si siano moltiplicati. La buona notizia è che difendersi dai truffatori è spesso semplice: il primo consiglio, nonché il più importante, è quello di non farsi mai prendere dalla fretta e di non accettare proposte prima di averne verificato l’autenticità.

Fornitore unico per luce e gas

Alcuni operatori offrono tariffe ancora più convenienti se si sceglie di siglare con loro sia il contratto per la fornitura di elettricità, sia quello per il gas e questa potrebbe essere una valida strategia per risparmiare. Valutiamo con attenzione questa opzione, ma soprattutto verifichiamo se può essere adatta alle esigenze della nostra famiglia; potremmo beneficiare non solo di un vantaggio economico, ma anche di una maggior semplicità nella gestione delle bollette.

 

Non abbiate paura a cambiare

Una volta identificata l’offerta più adatta, si può procedere con il passaggio; arrivati a questo punto è importante sapere che l’attivazione di una nuova fornitura è gratuita, è semplice e non si corre mai il rischio di rimanere senza luce o gas.

 

Cosa fare in caso di truffa

In caso di truffa, è necessario contattare chi ti ha fatto sottoscrivere il contratto; se si tratta di una semplice incomprensione e non di un tentativo di truffa, la situazione si risolverà in pochi semplici passi. Se, invece, si può dimostrare che la firma sul contratto è stata estorta con l’inganno o che non appartiene effettivamente all’utente, si può inviare un reclamo formale disconoscendo il contratto e segnalando l’accaduto alle forze dell’ordine e le autorità competenti (Polizia, Polizia postale, Agcm e Arera). Si può pretendere, inoltre, che il fornitore presso cui è stata effettuata la registrazione riporti immediatamente nelle fila del precedente.

 

lettera_journal_be-one-energia
Attenzione alle chiamate truffa!

Caro Cliente, 

abbiamo ricevuto segnalazioni da parte di clienti che hanno ricevuto chiamate “sospette” da parte di call center che proponevano un cambio di gestore con esposizione di dati sensibili degli stessi clienti.

Siamo a invitarti a prendere visione del video al presente link: LINK VIDEO

Vi invitiamo a diffidare di queste chiamate e vi facciamo presente che ARERA (autorità di controllo) sta già occupandosi di monitorare questa attività fraudolenta.

Lo Staff di Be One Spa

fotovoltaico-foligno-be-one
Approvato decreto contro caro bollette.
Misure per famiglie e imprese. Stanziate risorse per la sanità
be-one-energia-gas

immagini e testo da: www.mef.gov.it

Roma, 28 marzo 2023 – Nella riunione del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti, è stato approvato il decreto con misure a sostegno di famiglie e imprese contro il caro bollette e interventi in favore del settore sanitario per un ammontare complessivo di risorse stanziate nel provvedimento pari a 4,9 miliardi di euro.

 Le misure a sostegno di famiglie e imprese contro caro energia sono state ridisegnate su base trimestrale tenendo conto sia dell’andamento dei prezzi dell’energia, sia dell’obiettivo di favorire il risparmio energetico.

Iva al 5% per il gas
Per il gas è confermata nel prossimo trimestre (1 aprile – 30 giugno 2023) la riduzione dell’Iva al 5% e l’azzeramento degli oneri di sistema. Prorogata anche l’aliquota Iva ridotta al 5% per il teleriscaldamento e per l’energia prodotta con il gas metano. In considerazione della riduzione dei prezzi del gas naturale all’ingrosso il contributo introdotto a favore dei consumatori fino a 5.000 metri cubi è confermato solo per il mese di aprile e sarà in misura ridotta (pari al 35% del valore applicato nel trimestre precedente).

Bonus sociale
A sostegno delle famiglie è stato prorogato fino al 30 giugno il bonus sociale, lo sconto sulle bollette di luce e gas per le famiglie con Isee fino a 15mila euro.
Dal 1 aprile e fino al 31 dicembre 2023 la soglia Isee per l’accesso al bonus sociale da parte delle famiglie numerose (con almeno 4 figli) passa da 20 a 30 mila euro.

Contributo per spese riscaldamento
La novità introdotta con il decreto riguarda il nuovo incentivo al risparmio energetico per tutti i cittadini, senza limiti di reddito, che a partire dal prossimo 1 ottobre al 31 dicembre 2023 avranno un contributo a compensazione delle spese di riscaldamento, i cui criteri per l’assegnazione verranno definiti con decreto del Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. Inoltre, l’Arera determinerà le modalità applicative e la misura del contributo che verrà erogato, in quota fissa e differenziato in base alle zone climatiche.

Credito d’imposta per le imprese
Contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale, per il II trimestre 2023.
Le imprese potranno invece continuare a beneficiare fino al 30 giugno dei crediti d’imposta al 20% e al 10% se nel primo trimestre del 2023 hanno registrato un incremento del prezzo delle bollette di luce e gas superiore al 30% rispetto al primo trimestre del 2019.

Agevolazione per imprese agricole
Per l’anno di imposta 2022 agli imprenditori agricoli che producono e cedono energia fotovoltaica è garantita, per la componente riconducibile all’energia ceduta, un regime di tassazione più favorevole basato sul minor valore tra il prezzo medio di cessione dell’energia elettrica, determinato dall’ARERA e il valore di 120 euro/MWh.

Salute
Nel decreto il governo è inoltre intervenuto in materia di salute, stanziando circa 1 miliardo di euro in favore di Regioni e Province autonome per limitare l’impatto del payback dei dispositivi medici sulle aziende del settore.

Fisco
In materia fiscale, riguardo alle scadenze introdotte con la legge di bilancio sono stati ricalendarizzati dal 31 marzo al 31 ottobre 2023 i termini di pagamento della prima rata per regolarizzare le violazioni di natura formale commesse fino al 31 ottobre 2022. Prorogati rispettivamente al 30 settembre 2023, al 31 ottobre 2023 e al 30 novembre 2023 i termini per il pagamento della prima, della seconda e della terza rata per il ravvedimento speciale sulle dichiarazioni validamente presentate per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021 e precedenti.
Previste cause speciali di non punibilità di alcuni reati tributari (omesso versamento di ritenute dovute o certificate per importo superiore a 150.000 euro per annualità, omesso versamento di IVA di importo superiore a 250.000 euro per annualità, indebita compensazione di crediti non spettanti superiore a 50.000 euro), in particolare quando le relative violazioni sono correttamente definite e le somme dovute sono versate integralmente dal contribuente secondo le modalità previste.

Bolletta, dal frigo al forno fino alla lavastoviglie: cosa consuma di più? Ecco la classifica
Il frigo ad esempio ci costa 1 euro e 20 centesimi al giorno, ma non è l’elettrodomestico che consuma di più. Ecco la classifica dei più cari

Quanto spendiamo ogni volta che accendiamo il phon o la lavatrice? È una domanda sempre più comune tra gli italiani alle prese con il caro-energia che preannuncia conti salati. Arera (l’autorità per l’energia) ha già annunciato rincari del 59% sulle bollette, dopo che il terzo trimestre 2022 il prezzo unico nazionale dell’elettricità (Pun) è raddoppiato rispetto al secondo trimestre.

Altroconsumo, tenendo conto del costo dell’elettricità a 0,66 centesimi a kWh ha calcolato che per accendere gli elettrodomestici di uso comune una famiglia in media spende tra i 7 e gli 8 euro al giorno.

Inoltre, un utilizzo scorretto di tutti gli elettrodomestici può portare a una spesa che arriva a 230 euro. Ecco la lista completa del consumo per ogni singolo elettrodomestico.

Quanto costa il frigo e il router wi-fi?

Frigo: 1,20 euro al giorno
Router Wi Fi: 39 centesimi al giorno
Tv, decoder e smart speaker: 66 centesimi al giorno

Elettrodomestici, la classifica dei consumi  

Lavasciuga con programma asciugatura: 3,37 euro
Condizionatore per 4 ore: 1,98 euro
Forno (un’ora a 180 gradi): 1,44 euro
Boiler elettrico (10 minuti di doccia): 1,32 euro
Stufetta per il bagno: 66 centesimi
Lavastoviglie: 66 centesimi
Piano a induzione (un’ora): 50 centesimi.
Ferro da stiro da 2000 Watt: 50 centesimi l’ora
Ferro da stiro da 2400-2600 Watt: 0,65 centesimi l’ora.
Asciugacapelli (15 minuti): 24 centesimi

 

Fonte: Il Messaggero.it > LINK ARTICOLO 

VADEMECUM

DEL RISPARMIO ENERGETICO

Bollette luce e gas,
ecco il vademecum dell’Enea per risparmiare
L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie,
l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea)
ha stilato un vademecum per risparmiare
sulle bollette luce e gas.

SCOPRI DI PIÙ >>

 

Consumi, oltre 1.850 euro all’anno per energia, gas e carburanti

TGcom 24

Un’indagine di Confcommercio rivela che il caro-energia e l’inflazione rischia di penalizzare pesantemente le spese libere, deteriorando il clima di fiducia delle famiglie. Arrancano abbigliamento e automotive.

Su un totale consumi all’anno di oltre 19mila euro pro capite, per le spese obbligate se ne vanno 8.154 euro (+152 euro rispetto al 2021).
La quota principale è rappresentata dalla voce abitazione (4.713 euro)
ma il contributo maggiore all’incremento viene da energia, gas e carburanti
(il settore complessivamente raggiunge quota 1.854 euro) che, nella media del 2022, incide sul totale consumi per il 9,7%, valore mai registrato prima. Lo rende noto l’Ufficio Studi di Confcommercio.

Energia più cara, meno spese “libere” – Questi forti rincari sul fronte energia avranno l’effetto di comprimere la spesa su molte aree “voluttuarie”, con il rischio di deteriorare il clima di fiducia attuale e in prospettiva.

Arrancano automotive e abbigliamento – Il desiderio di tornare alla normalità, spiegano a Confcommercio, sta sostenendo, in questa prima parte dell’anno, i consumi delle famiglie con alcuni comparti in forte recupero, come il turismo e l’area della convivialità e del tempo libero, ma ci sono settori che ancora stentano, come l’automotive e l’abbigliamento.

Inflazione e caro-energia incidono sui consumi –  Un quadro che rischia un forte rallentamento, soprattutto dopo l’estate, a causa dell’impatto sul potere di acquisto delle famiglie dell’inflazione (stimata intorno al 7% nel 2022), degli aumenti dell’energia e delle spese obbligate. Queste ultime infatti raggiungono nel 2022 la quota record del 42,9% sul totale dei consumi, il valore più alto di sempre, con un incremento dell’incidenza di 6,3 punti dal 1995 a oggi.

L’aggiornamento al 2022 della scomposizione dei consumi delle famiglie tra spese obbligate e spese commercializzabili, pur continuando a essere influenzato da quanto accaduto dalla primavera del 2020, risente in misura significativa della ripresa dell’inflazione che colpisce in modo profondamente eterogeneo le varie categorie di spesa.

Spese obbligate al 43% del totale – Le spese obbligate ovviamente, attraverso la dimensione dei prezzi dell’energia, sono le più colpite. Raggiungono quasi il 43% sul totale dei consumi, affitti inclusi. Rispetto a una quota strutturale del 39-40%, lo scarto attualmente registrato è abnorme. Questa differenza può essere attribuita per la metà, circa 1,5 punti percentuali, a elettricità, luce e gas la cui incidenza è salita al 9,7%.

Link Articolo TGcom 24

logo-magic-mountainsBe One e il progetto Magic Mountains

La Community di Be One ha partecipato al progetto Magic Mountains, un progetto no-profit per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale dei Monti Sibillini.

Be One è sponsor del progetto perché pensiamo che stimolare il contatto con la natura sia il primo passo importante per azioni significative di salvaguardia del Pianeta.

Crediamo che favorire esperienze di valorizzazione del patrimonio naturale sia un canale privilegiato per sensibilizzare i nostri clienti all’uso di energia sostenibile, l’unica strada per pensare al futuro del nostro Pianeta da protagonisti.

 

 

 

Be One main sponsor Bizzarri Golf Cup 2022

Ogni grande risultato nasce dalla giusta energia.
Le sfide ti aiutano a capire chi sei. Ore, giorni, mesi di allenamento per prepararsi alla sfida.
Take up the challenge ? Be One Main Sponsor Bizzarri Golf Cup 10/11/12 Giugno 2022

 

be-one-main-sponsor-bizzarri-golf-cup-2022

 

Be One e Treedom: parliamo di ambiente

Be One aderisce al progetto Treedom piantando alberi in diverse aree del mondo. L’intento di Be One è quello di bilanciare i propri consumi e quelli dei suoi clienti piantando alberi riuscendo a ridurre l’impatto del CO2 nel nostro mondo.

>> CLICCA PER LA FORESTA BE ONE

treedom e be oneTreedom è il primo sito che permette di piantare alberi a distanza e seguire online la storia del progetto che contribuiranno a realizzare.

Dalla sua fondazione, avvenuta nel 2010 a Firenze, sono stati piantati più di 1.000.000 di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Tutti gli alberi vengono piantati direttamente da contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici. Grazie a tale business model, Treedom fa parte dal 2014 delle Certified B Corporations, il network di imprese che si contraddistinguono per elevate performance ambientali e sociali.

 

Prezzo del mese di riferimento

Be One informa che per questo mese il prezzo all’ ingrosso di EE e Gas è il seguente:

 

PUN_MEDIO

0,111 €/kWh 

PSV_MEDIO

0,450 €/Smc

Be One informa che per questo mese il prezzo all’ ingrosso di EE e Gas è il seguente:

 PUN_MEDIO

0,111 €/kWh

 PSV_MEDIO

0,450 €/Smc

 

Be One: l’energia oltre l’energia

Be One offre ai propri clienti anche la possibilità di installare utilities come colonnine per la ricarica elettrica: soluzioni chiavi in ​​mano per chi sceglie la mobilità elettrica nel lavoro o nella vita di tutti i giorni.

Be One ha soluzioni sia per le aziende, sia per i privati, sia per i condomini o le Pubbliche Amministrazioni.

colonnine-elettriche-beone

Colonnina ricarica elettrica Be One S.p.A.

COMPILA I CAMPI PER CHIEDERE INFORMAZIONI SU PREZZI E MODALITÀ DI PAGAMENTO, ANCHE A RATE

BE ONE SPA

Tel. 0583 1771056
Email info@beonespa.it

SEDE LEGALE
Viale Europa 766/780
55100 Lucca – Italia

SEDE FOLIGNO (PG)
Via Casale Luparini 12/B
c/o Centro Direz. Light

SEDE ROSIGNANO MARITTIMO (LI)
Via Straulino 1
c/o Porto Turistico Cala de’ Medici

P.IVA 02598510465

LASCIA UN RECAPITO PER ESSERE RICONTATTATO!

Responsabile della protezione dei dati personali: S.A.C.E. di Papa Stefano, Tel: +39 345-2152439 - e-mail:  rpdp@complianceevoluta.com